Ortho-Bionomy®

L’Ortho-bionomy® è una terapia manuale di derivazione osteopatica.

Introduzione

L’Ortho-bionomy è una terapia manuale di derivazione osteopatica. Il suo scopritore, il dott. Arthur L. Pauls, era infatti un osteopata canadese. Tuttavia, non è esclusivamente una terapia manuale, un metodo di guarigione, ma anche una filosofia, una maniera di essere. Può essere applicata a tutti gli aspetti della vita e in particolare a quello della salute. Il principio che ne è alla base non è quello di intervenire esternamente per correggere una disfunzione, bensì quello di stimolare l’autocorrezione e la capacità di autoguarigione interna all’organismo. Pauls affermava che si trattasse dell’omeopatia applicata alla struttura corporea.

Prenota ora il trattamento

Storia

Arthur L. Paus incontrò l’osteopatia quasi per caso. A quel tempo viveva a Londra e lavorava come insegnante di judo. Quando i suoi allievi si infortunavano, li portava da un medico osteopata affinché ricevessero dei trattamenti e guarissero. A introdurlo all’osteopatia fu proprio il medico presso cui si recava, che lo invitò a frequentare la scuola di osteopatia in modo da poter aiutare i suoi allievi direttamente. Apprese il metodo osteopatico e rimase affascinato dagli studi del suo anziano collega Lawrence Jones, che aveva introdotto nell’osteopatia il concetto di posizione antalgica. L’incontro con Jones e le sue scoperte personali, lo portarono a sganciarsi dal mondo dell’osteopatia classica per fondare il suo metodo di cura che chiamò Ortho-Bionomy®, ovvero la corretta applicazione delle leggi della vita. Ciò avvenne alla fine degli anni 70 del secondo scorso.

Per approfondire la storia dell’Ortho-bionomy® e dell’Osteopatia rimando alla pagina dell’ACOBI (Associazione culturale OB Italia): https://www.ortho-bionomyitalia.it/ortho-bionomy/storia/

E alla pagina dell’associazione internazionale di OB: https://www.ortho-bionomy.org/ (eng)

Filosofia

L’Ortho-Bionomy® è una filosofia di vita che unisce il pragmatismo del mondo occidentale con l’introspezione tipica delle culture orientali. Il trattamento risulta gradevole e rilassante per chi lo riceve perché parte dal presupposto che l’operatore deve entrare in uno stato di completa relazione d’ascolto con l’altro. La pratica è adatta a tutti coloro che vogliono ritrovare il proprio equilibrio, partendo da una disfunzione articolare o blocco fisico che è all’origine del problema. In genere si tratta di persone che sentono il loro corpo come rigido, bloccato, dolente. È efficace anche per quanti si sentono appesantiti da tensioni e conflitti. Con l’Ortho-Bionomy® si recupera spontaneità e leggerezza. È una disciplina rieducativa che può essere ricevuta ad ogni età, anche durante la gravidanza.

Tecnica e Principio

Quando il terapista ha individuato la posizione correttiva e antalgica, cioè che non produce dolore, aggiunge una leggera compressione sull’articolazione; la compressione determina una azione uguale e contraria che permette il ritorno all’equilibrio dell’articolazione. Lo stesso principio si applica sulle contratture muscolari e quando si lavora sulla fascia. Il principio è quello dell’esagerazione della disfunzione, dell’aumento della compressione, simile alla pratica omeopatica. Il risultato è una sensazione di sollievo e beneficio, di rilassamento e di benessere globale.

Diffusione

Attualmente Ortho-Bionomy® è praticato in diversi stati Europei: Germania, Austria, Svizzera, Francia e Italia. Nel Mondo è praticato e insegnato negli Stati Uniti, Australia, e Nuova Zelanda. In ognuno di questi paesi esiste almeno una associazione che si occupa della formazione degli insegnanti, degli alunni e della diffusione della disciplina. In Italia ve ne sono due: l’ACOBI (Associazione Culturale Ortho-bionomy® Italia) della quale io faccio parte, e l’AIMOB (Associazione Italiana Metodo Culturale Ortho-bionomy®). Entrambe si riconoscono nell’associazione europea degli insegnanti: OBEAT (Ortho-bionomy® European Association of Teachers).

Il Trattamento

La seduta inizia con una consultazione nella quale il terapista effettua una attenta analisi, cercando di risalire alle cause che hanno provocato la problematica in questione. Il dialogo rappresenta un ulteriore elemento per aiutare il ricevente a fare chiarezza sulla propria condizione, invitandolo ad entrare in maniera più consapevole in contatto con il suo corpo e le manovre ricevute. Durante il trattamento, che ha la durata di un’ora, si aiuta il ricevente a trovare le posizioni antalgiche che consentono il rilassamento delle contratture e tensioni che bloccano il movimento delle articolazioni. Le manovre sono dolci, più di ascolto che di manipolazione vera e propria, in ciò l’Ortho-bionomy® si discosta dall’Osteopatia e dalla Chiropratica. Alla fine del trattamento, il terapista suggerisce una serie di esercizi per fissare i benefici ottenuti durante la seduta, per permettere ai riceventi di aumentare le curve fisiologiche e di ritrovare la mobilità delle articolazioni.

Quando è utile

Il trattamento deve essere benefico sia per il terapista che per il ricevente, secondo il principio del benessere riflesso: il tuo benessere di riflesso diventa il mio benessere.

Dolore cronico Sciatica
Mal di schiena Stress
Mal di testa Tunnel Carpale
Dolore al ginocchio Dolori cervicali
Spalla congelata Dolori articolari
Dolore all’anca Crampi/Spasmi muscolari
Tensione muscolare Eventi traumatici
Torcicollo Piedi/gambe dolente

Prenota ora il trattamento